In Ricordo Di

Pasqualino D'Amico (Tulí)

Duronia




Di seguito il testo del ricordo per Tulí
tenuto sul campo sportivo di Duronia
in un memorial il 18 agosto 2016 alle ore 17,30

Per Tulí
di Umberto Berardo


Carissimi amici,
è mia convinzione profonda che il valore dell'esistenza di ciascuno di noi su questa
Terra dipenda essenzialmente da quanto riusciamo ad esprimere in termini di amore per
gli altri e nella testimonianza di valori forti che siamo capaci di trasmettere alle
nuove generazioni.

Questi aspetti della vita sono stati sicuramente propri della persona che ricordiamo
oggi e che ha lasciato la sua esistenza terrena il 5 gennaio scorso.
è davvero molto bello essere qui a Duronia in tanti a fare memoria di Pasquale D'Amico,
meglio conosciuto da tutti noi come Tulí.

Se siamo qui è perché gli abbiamo voluto bene ed intendiamo conservarne un ricordo
affettuoso e pieno di riconoscenza per quanto è riuscito a darci in termini di profonda umanità .
Di Tulí vogliamo ricordare la forte tenacia ed i sacrifici nel costruirsi la crescita
culturale in tanti anni di collegio, il senso immenso dell'amicizia, il grande amore
per lo sport e soprattutto per il calcio nel quale ha dato il meglio di sé a Duronia
ed in altri paesi del Molise, l'affetto e l'attaccamento profondo per la moglie e per
i figli, il legame per il suo paese di origine di cui si è sentito parte in tutte le
vicende, il servizio ai duroniesi come dipendente nell'anagrafe comunale con una
dedizione, una disponibilità ed una gentilezza uniche, il forte senso dell'etica
in ogni gesto o posizione personale rispetto ai problemi della collettività , la forza
di affrontare l'ultimo tratto difficile della vita con la voglia di condividere fino
all'ultimo l'affetto dei suoi e degli amici.

Siamo dunque qui a rimarcare e testimoniare la sua bontà , l'amore grandissimo che ha
avuto per la sua famiglia, il senso del dovere educativo e del sostegno umano per i
suoi figli, la linearit√† etica del suo comportamento di cui è stato sempre cosí
orgoglioso, la cordialità nel rapporto con gli altri e nelle relazioni sociali, il
senso civico e l'attaccamento alle sue radici duroniesi, l'impegno costante nella
difesa di tutto ciò che costituisce il bene comune.

Sua moglie ed i suoi figli hanno avuto in lui uno scrigno ricco di esempi positivi
che certamente continueranno ad essere l'orientamento per la loro vita.
Un grazie particolare a Tulí senza retorica per quanto è riuscito a dare a Duronia
con la sua attività sportiva, con il lungo servizio presso l'anagrafe comunale e
soprattutto con il suo impegno sul piano sociale.

Personalmente, come ho già scritto, mi porterò nella mente e nel cuore la sua
richiesta di stringergli la mano "come segno di amicizia" (cosí mi disse) nell'ultimo
incontro che ho avuto con lui, ma anche la serenità ed il coraggio con cui ha
affrontato le difficoltà e le sofferenze dell'ultimo tratto della sua vita,
ostenuto in questo con grande amore dai suoi cari ed in particolar modo dalla
sua amata Santina.

Ebbene, Tulí, quella mano che ci hai chiesto di stringerti noi non l'abbiamo mai
lasciata, perché ti vogliamo bene e ti porteremo nel cuore sempre.














In Ricordo di
Duronia